Oltre l’etichetta c’è di più!

Sapevi che oltre l’etichetta, c’è un ricco mondo di contenuti da produrre e azioni da intraprendere per poter comunicare e vendere il vino grazie alla wine strategy?

La sua promozione riflettere la mission della cantina, nonché la sensibilità e gli interessi del consumatore moderno. Tramite il wine-marketing è possibile non solo concepire la visual-identity – e quindi la vestizione – del vino, ma anche trasmettere l’efficacia di un coerente messaggio comunicativo e multicanale. Come?

  • Sviluppando un obiettivo ed una storia che parli chiaramente del prodotto e dell’azienda;
  • Affinando il tono di voce per esprimere i valori, la mission e raccontare la produzione o il territorio;
  • Analizzando, conoscendo e nutrendo il proprio target per comprenderne attitudini ed esigenze.

Gli argomenti da poter trattare sono molteplici e tutti da sfruttare per ogni tipo di campagna di comunicazione. Esempi?

  • Vitigni autoctoni, con diversi livelli di approfondimento (descrizione dei vitigni, dell’ambiente e scelta di utilizzo);
  • Caratteristiche del territorio, vocato al profondo legame con il vino;
  • Food pairing (abbinamenti cibo-vino suggeriti);
  • Sostenibilità e attenzione per l’Ambiente (certificazioni, gestione sostenibile delle risorse naturali e agricoltura priva di pesticidi);
  • Il dietro le quinte della vita in vigna (storia, passione e persone che animano l’azienda e danno vita ai prodotti);
  • Premi e menzioni ricevute dall’azienda o dai vini;
  • Presenza ad eventi di carattere istituzionale.

La decisione di acquisto di una marca di vino è dunque guidata da esperienze fortemente connotate dall’emotività. Vestire un vino vuol dire raccontare una famiglia, un’azienda, entrare in empatia con delle persone, per trasformare il loro carattere in segno grafico.

5 Wine Strategy per uno storytelling efficace della cantina

Possiamo riassumere le precedenti riflessioni elaborando e mettendo in pratica le seguenti 5 wine strategy per comunicare il vino oltre l’etichetta. Cinque modi per promuovere al meglio il proprio vino e la realtà che vi sta dietro, conquistare i clienti e massimizzare le vendite:

  1. Dare un’immagine artigianale ed empatica. Il vino in Italia è qualcosa di familiare, di talmente atavico che fa parte delle nostre origini, che oggi i più giovani vogliono riscoprire. La tradizione, da elemento passatista, diventa gancio empatico per veicolare appartenenza e rispetto.
  2. Comunicare i green values. Le tendenze salutistiche hanno portato a bere meno ma meglio e a cercare il prodotto che fa bene: vini biologici e biodinamici, con meno solfiti e meno alcol. Il vino diventa cosi elemento di coesione culturale, l’innovazione di prodotto deve tener conto di queste nuove richieste.
  3. Implementare l’offerta multi-sensoriale.L’esperienza enologica non inizia con l’apertura di una bottiglia e non finisce con la stessa, ma va percepita in modo esteso. Ripensare in questa ottica la classica visita enoturistica in cantina mixandola con le nuove tecnologie, per educare ma anche emozionare e sorprendere, attraverso il coinvolgimento di tutti i sensi.
  4. Integrare il prodotto con un servizio. In un mondo dove la scelta passa attraverso l’approfondimento reso possibile dalle nuove tecnologie oggi è molto più facile garantire servizi di e-commerce o delivery a cui si aggiungono le condivisioni di informazioni tramite community.
  5. Riorganizzare le informazioni. Il vino ha già in sé forti elementi di differenziazione: denominazioni, uvaggi in purezza, annate e così via. Bisogna, quindi, mettere a sistema questi elementi, semplificarli e imparare a narrarli.

Comunicare il vino non solo offline

I nuovi strumenti digitali di comunicazione hanno contribuito a sbloccare il potenziale emozionale e promozionale di molte aziende. Come per molti altri prodotti, anche il vino italiano è approdato sui nuovi canali del mercato online. Con essi è sorta anche l’esigenza di sviluppare strategie di marketing mirate anche nel web. Tra e-commerce e social network si è decisamente aperto il commercio digitale. Sono molti infatti gli utenti ben disposti ad acquistare online degustando già solo con gli occhi i prodotti delle proprie cantine preferite.

Google e gli altri motori di ricerca, rendono molto semplice il raggiungimento anche dei mercati extraeuropei. I social network consentono invece di poter coinvolgere e fidelizzare i consumatori. Grazie a contenuti di valore è possibile comunicare il proprio brand e la sua storia con eno-virtual-tour delle cantine, dei vini prodotti e di tutta la passione con cui lavora l’azienda.

Il Wine marketing prevede quindi lo sviluppo di strategie che abbiano un obiettivo di comunicazione volto ad agevolare la ricerca delle informazioni. Per questo abbiamo scelto di parlarti delle wine strategy per comunicare il vino oltre l’etichetta off e online. Così come a favorire le conversioni dei visitatori dal web in potenziali clienti o contatti commerciali. Se vuoi aumentare il business e allargare la cerchia dei tuoi acquirenti devi quindi saper trasmettere l’interesse per il tuo prodotto vitivinicolo. Per farlo è importante emergere nel mare magnum del web con la costruzione di un sito e-commerce performante ed efficace.

Wine’s best-practice da seguire

Districarsi nel mondo della comunicazione e della concorrenza non è sempre facile. Avrai sicuramente la necessità di affidarti a un team di professionisti come quelli di Casa Walden. Tuttavia, qualora volessi agire autonomamente, per la tua realtà vitivinicola (azienda, cantina, enoteca, ecc.) dovrai tenere tenere a mente le seguenti best-practice:

  1. Brand Identity: non puoi affacciarti al mondo degli affari senza prima avere una solida identità visiva. Un marchio, un logo di carattere che sia distinguibile e che trasudi tutta l’essenza dei tuoi vini e della tua azienda. Trasmettere in colore, forme, imbottigliato ed etichette gli elementi distintivi della tua cantina farà la differenza sulla concorrenza.
  2. Blog aziendale: pubblicizzare la tua produzione vitivinicola tramite storytelling, articoli di settore e trend topic è il modo migliore per essere maggiormente indicizzati sui motori di ricerca. Il sito web acquisirà maggiore visibilità, che si traduce in aumento del traffico che può incrementare gli acquisti del tuo shop online.
  3. Social Media Marketing: i network rappresentano le nuove forme di guadagno per il tuo business. Le pagine ed i profili social diventano dunque un’estensione naturale del volto della tua azienda. Il tuo bigliettino da visita digitale! I social possono essere utilizzati in molteplici modi e prevedere piani editoriali diversificati. Sfrutta la visibilità dei marketplace e degli shop, oppure fa dell’influencer marketing il tuo strumento strategico d’eccezione.
  4. Campagne ADS: che sia su Google o sui social media, nessun piano di comunicazione o contenuti che si rispettino prescinde dalla sponsorizzazione. Crea pertanto annunci pubblicitari settati per target ed obiettivi specifici, scrivendoli in ottica SEO.

Eccoti svelate tutte le wine strategy per comunicare il vino oltre l’etichetta! Il team di Casa Walden è esperto di marketing e comunicazione per il settore Food e Winery.

Articoli correlati

  • 5-strategie-di-marketing-e-comunicazione-per-lestate
    Pubblicato il 10 Luglio 2024

    5 strategie di marketing e comunicazione per l’Estate

    Saldi, turismo, eventi. L'assolata stagione offre tante opportunità di business per le aziende che sanno guardare all'estate come leva di marketing strategica. Ecco quindi le migliori prassi da seguire.

  • Pubblicato il 27 Giugno 2024

    Giornata Mondiale della Fotografia: origini e significato

    Scopri quando e perché si celebra, tra professionisti ed appassionati, la Giornata Mondiale della Fotografia e perché questo mezzo è così importante ai fini pubblicitari.

  • il-ruolo-della-customer-experience-nel-successo-delle-pmi
    Pubblicato il 15 Giugno 2024

    Il ruolo della Customer Experience nel successo delle PMI

    Le piccole e medie imprese che si concentrano sulla creazione di esperienze positive per i propri clienti non solo vedono un aumento della loro fidelizzazione, ma anche un vantaggio rispetto ai competitor. Ecco come.